Informativa cookies

  • IL NUOVO ISEE BEFFA LA CASA

    19 Novembre / Senza categoria

    Dal 2015, la casa di proprietà inciderà nell’Isee in base al suo valore ai fini IMU e non più ai fini ICI,
    aumentando il valore fiscale degli immobili del 60%. Un problema non da
    poco quello che si presenta visto che nella vecchia Ici esisteva la franchigia da 51.646 euro che invece con l’Imu è stata abolita.
    Questo
    comporterà un innalzamento del valore degli immobili ai fini Isee in
    maggior misura per le case di valore fiscale inferiore. Chi però ha
    ancora il mutuo da estinguerepotrà ottenere un vantaggio: infatti nel nuovo Isee, il debito residuo con la banca va sottratto dai calcoli.
    Tuttavia, in generale, chi possiede una casa di proprietà sarà considerato più ricco rispetto al passato
    e non potrà accedere a una serie di servizi sociali agevolati quali
    asili nido e borse di studio di cui in precedenza usufruiva.

    Il caso più volte riportato è quello dell’immobile di 60 mila euro che con l’Ici valeva 1.671 euro nel vecchio Isee, con l’Imu varrà invece ben 5.800 euro.
    Ai
    fini Ici infatti il valore era dato dal 20% di 8.354 euro, risultato
    della sottrazione fra 60mila e la franchigia da 51.646 euro. Ora, dal 1°
    gennaio 2015 l’Isee per quell’immobile si alzerà di 5.800 euro, con un
    aumento del 247,1% rispetto a prima.
    Se da un lato con le nuove
    norme il valore dell’immobile va ridotto di un terzo prima di farlo
    rientrare nel patrimonio del contribuente, dall’altro non riesce a
    pareggiarne l’incremento apportato nel calcolo della ricchezza che ne
    consegue dall’Imu. E più aumenta il valore dell’immobile, meno impatto
    se ne ottiene nell’Isee.
    Unica consolazione rimane per chi ha ancora un mutuo sulla casa aperto: nel nuovo Isee si potrà sottrarre il debito residuo con la banca dai calcoli.

    Le
    nuove regole sulla Dichiarazione Sostitutiva Unica seppur introducendo
    un abbattimento automatico di un terzo, ovvero una riduzione pari al 33%
    prima di inserirlo tra i dati del patrimonio e quindi assoggettarlo al
    20% per la determinazione dell’indicatore, introducono una condizione di sfavore per gli immobili di valore fiscale minore. Questo è quanto anche evidenziato Confedilizia in un comunicato stampa del 13 novembre scorso.

    Un
    alto numero di proprietari di casa pertanto, pur trovandosi in una
    situazione economicamente peggiore, si vedrà negate agevolazioni sulle
    prestazioni di natura sociale e assistenziale, quali la riduzione delle
    rette degli asili nido, riduzione del costo delle mense scolastiche,
    assegni familiari, assegni di maternità, agevolazioni per utenze gas,
    telefono, elettricità o l’ esenzione per le prestazioni sanitarie.

    http://www.fiscal-focus.info/fisco/il-nuovo-isee-beffa-la-casa,3,24724

  • Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *