Informativa cookies

  • PEC: LA TRASMISSIONE SOLO PER POCHI

    21 Ottobre / Senza categoria

    A seguito del Provvedimento congiunto dell’Agenzia delle Entrate e del
    Comandate Generale della Guardia di Finanza dell’8 agosto, emanato in
    attuazione delle disposizioni introdotte dalla Legge europea per il
    2013, i soggetti destinatari delle disposizioni antiriciclaggio saranno
    tenuti a trasmettere le informazioni sulle operazioni intercorse con
    l’estero, dietro specifica richiesta da parte degli organi
    dell’Amministrazione finanziaria.

    Più precisamente, mentre gli
    intermediari finanziari dovranno fornire i dati sulle operazioni di
    importo pari o superiore a 15.000 euro intercorse con l’estero, i
    professionisti, i revisori contabili, nonché gli stessi intermediari
    finanziari e gli altri soggetti esercenti attività finanziaria dovranno
    trasmettere le informazioni relative all’identità dei titolari effettivi
    con riferimento a specifiche operazioni con l’estero o rapporti a esse
    collegate.

    In considerazione della nuova previsione introdotta e
    in virtù del fatto che tutte le informazioni dovranno viaggiare a mezzo
    Pec, i professionisti erano tenuti a comunicare, entro il 31 ottobre
    2014, il proprio indirizzo Pec, utilizzando i canali Entratel o Fisco on
    line.

    Questo, almeno, fino a quando l’Agenzia delle Entrate,
    con la Risoluzione 88/E del 14 ottobre 2014 non ha chiarito che i
    soggetti i cui indirizzi sono già iscritti all’Ini-Pec non sono più
    tenuti a trasmettere all’Agenzia delle Entrate il dato in oggetto.

    Ma,
    si badi bene, tale precisazione non esclude dall’obbligo di
    comunicazione tutti i soggetti: ben più ampia è la platea dei soggetti
    interessati dalle disposizioni antiriciclaggio rispetto a quella degli
    operatori la cui pec è già presente nell’indice nazionale.

    Infatti,
    tale indice è alimentato dagli indirizzi pec inviati dalle società e
    dalle imprese individuali al Registro delle imprese, nonché da quelli
    forniti dai professionisti ai rispettivi Ordini e alle Pubbliche
    amministrazioni al Centro nazionale per l’informatica nella pubblica
    amministrazione.

    I soggetti interessati dalle disposizioni di
    cui al provvedimento dello scorso 8 agosto sono invece tutti i soggetti
    di cui all’art. 11, 12, 13 e 14 del decreto legislativo 21 novembre
    2007, n. 231, ovvero, oltre agli intermediari finanziari, ai dottori
    commercialisti ed esperti contabili:

    – ogni altro soggetto che
    rende i servizi forniti da periti, consulenti e altri soggetti che
    svolgono in maniera professionale, anche nei confronti dei propri
    associati o iscritti, attività in materia di contabilità e tributi, ivi
    compresi associazioni di categoria di imprenditori e commercianti, CAF e
    patronati;

    – i notai e gli avvocati quando, in nome o per conto
    dei propri clienti, compiono qualsiasi operazione di natura finanziaria
    o immobiliare e quando assistono i propri clienti nella predisposizione
    o nella realizzazione di operazioni riguardanti: il trasferimento a
    qualsiasi titolo di diritti reali su beni immobili o attività
    economiche; la gestione di denaro, strumenti finanziari o altri beni;
    l’apertura o la gestione di conti bancari, libretti di deposito e conti
    di titoli; l’organizzazione degli apporti necessari alla costituzione,
    alla gestione o all’amministrazione di società; la costituzione, la
    gestione o l’amministrazione di società, enti, trust o soggetti
    giuridici analoghi;

    – i prestatori di servizi relativi a società e trust;

    – le società di revisione iscritte nell’albo speciale e i soggetti iscritti nel registro dei revisori contabili.

    Ebbene,
    appare immediato comprendere come gli intermediari finanziari, i
    professionisti e i revisori contabili siano esonerati dall’invio
    dell’indirizzo Pec all’Agenzia delle Entrate, mentre permane l’obbligo
    per i consulenti aziendali e periti che non sono iscritti ad ordini
    professionali e, in quanto professionisti, nemmeno al Registro delle
    imprese.

    In questo caso, pertanto, si dovrà ritenere ancora
    sussistente l’obbligo di inviare, entro il 31 ottobre, il proprio
    indirizzo Pec attraverso i canali telematici Entratel o Fisconline.

    Dubbi
    sono stati sollevati invece con riferimento ai revisori contabili non
    iscritti ad altri Albi, per i quali, se da un lato è vero che gli stessi
    hanno già comunicato il loro indirizzo Pec al Mef, dall’altro non è
    ancora noto se, successivamente, il Mef abbia provveduto a trasmettere
    gli indirizzi stessi all’indice nazionale.

    Da ultimo vuole essere sottolineato un ulteriore dubbio con riferimento ai soggetti tenuti a comunicare l’indirizzo Pec.
    Nel
    Provvedimento dell’8 agosto si chiarisce che sono tenuti ad inviare
    l’indirizzo Pec soltanto i potenziali soggetti destinatari delle
    richieste di cui al provvedimento in oggetto. A rigore di logica,
    dunque, tutti coloro che prestano la loro consulenza esclusivamente a
    soggetti che non svolgono operazioni con l’estero non sarebbero comunque
    tenuti alla trasmissione dell’indirizzo Pec.
    Un’interpretazione, questa, che sicuramente necessita di maggiori chiarimenti.

    http://www.fiscal-focus.info/fisco/pec-la-trasmissione-solo-per-pochi,3,24161

  • Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *